Modello

Da TecnoLogica.

Versione delle 14:02, 9 set 2020, autore: Lucarck (Discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
logo Questa pagina contiene elementi frutto di una o più ricerche originali dei contributori, che nel testo sono però opportunamente evidenziate. Nella sua consultazione, quindi, devi fare particolare attenzione a tutte le indicazioni e le note bibliografiche in esso contenute.

Se sei giunto qui da un'altra pagina per errore, per favore torna indietro e correggi il collegamento.

Sistema in grado di simulare in modo sufficientemente approssimato un aspetto della realtà.

Definizioni

Schema teorico scelto come rappresentativo di una classe di fenomeni[1].

Descrizione

Un modello è un sistema in grado di rappresentare un particolare aspetto della realtà. Il processo interpretativo che porta alla costruzione dell'insieme di elementi e regole che costituiscono il modello, tale da rispecchiare in modo più o meno accurato un certo numero di fenomeni osservabili nel mondo reale, prende il nome di modellazione ovvero di isomorfizzazione.
Tanto è forte il potere descrittivo di alcuni modelli che questi a volte sostituiscono, nel discorso accademico, la realtà stessa che rappresentano. Per tale motivo molto spesso gli elementi del modello vengono detti essi stessi fenomeni ed i legami relazionali processi, tanto più quando si tratta di sistemi dinamici e/o non stazionari. La differenza tra un fenomeno modellato e quello reale viene detta precisione.
I generale, nella definizione di modello risulta fondamentale il ruolo dell'osservatore che compie tanto il processo di isomorfizzazione - dal mondo reale a quello riflesso nel modello - quanto il processo di decodificazione - dal mondo del modello a quello reale. In una certa misura, si può affermare che l'osservatore è un elemento stesso del modello e che quest'ultimo, senza il primo che lo interpreta in quanto tale, scade a livello di sistema.
La dicotomia osservatore-modello è ancora più evidente quando si ha a che fare con fenomeni reali molto complicati, che cioè coinvolgono numerosi elementi e/o relazioni che li legano, per i quali è necessario costruire un sistema complesso: in tal caso, per poter rendere operativo il modello, è necessario introdurre una serie di seplificazioni, individuando - e isomorfizzando - non tanto il fenomeno in sé ma piuttosto il suo epifenomeno[2].
I modelli basati su sistemi formali ne derivano tutte le proprietà, di cui rappresentano un sottoinsieme interpretativo derivato, cioè, soltanto dalla possibilità di ricondurlo alla realtà e indipendente dalla struttura che lo costituisce. Un modello siffatto costituisce una scienza esatta propriamente detta. Ad esempio, sono scienze esatte la matematica, la fisica in genere, la chimica; non lo sono - perché fondate sul principio dell'evidence based - la medicina, la biologia, la farmacia.

Voci correlate

Note

  1. [Sabatini & Coletti, 2010.]Sabatini & Coletti (2010).
    Dizionario della lingua italiana. Rizzoli Larousse. Show in Bibliography
  2. Un esempio classico è costituito dalla temperatura di un materiale: essa in realtà è un epifenomeno del moto cinetico delle particelle elementari che lo costituiscono, ed è direttamente proporzionale a questo, ma nella realtà fisica non rappresenta da alcun fenomeno osservabile, trattandosi di una interpretazione basata su un effetto di alto livello riscontrabile dai nostri sensi.
La consultazione di TecnoLogica è preordinata alla lettura delle avvertenze

Ogni contributore è responsabile dei propri inserimenti.
Il progetto è opera di Luca Buoninconti © 2011-2020.

Strumenti personali